Vai al contenuto

Tecnologie

Trattamenti superficiali per metalli e alluminio: tipologie e vantaggi

I trattamenti superficiali offerti da Argos consentono di ottenere migliori prestazioni produttive e una vita degli impianti più lunga.

Trattamenti superficiali Argos Surface Technologies

L’applicazione di specifici trattamenti superficiali su alluminio permette di valorizzare i materiali con elevate proprietà antiattrito e di resistenza all’usura e caratteristiche anticorrosive. Il tutto favorendo una migliore resa estetica.

Le superfici in metallo e in alluminio, utilizzate in contesti industriali e commerciali, che rivestono i macchinari sono soggette a usura, danneggiamento e a un notevole carico di sollecitazioni fisiche e meccaniche che comportano, nel tempo una riduzionedell’efficienza funzionale; per questo motivo, applicare degli idonei trattamenti superficiali garantisce un miglioramento delle caratteristiche fisiche e meccaniche del materiale, rendendolo più resistente, durevole ed esteticamente apprezzabile.

I trattamenti superficiali offerti da Argos, come l’anodizzazione e l’anodizzazione dura, consentono di ottenere migliori prestazioni produttive e una vita degli impianti più lunga.

Per alcuni trattamenti, come ad esempio la verniciatura, l’applicazione di trattamenti preparatori come la nichelatura chimica o la fosfatazione permette di ottenere risultati ottimali in termini di brillantezza e di uniformità del colore.

Trattamenti superficiali Argos

Anodizzazione

L’anodizzazione è un particolare trattamento superficiale che crea uno strato di ossido sulle superfici; è costituito da leghe di alluminio e titanio e può essere applicato su alluminio e sulle leghe di alluminio.

L’anodizzazione ha il grande vantaggio di svolgere una doppia azione protettiva, risultando:

  • Resistente all’usura: lo strato di ossido di alluminio si presenta così duro e compatto da poter essere paragonato al cromo duro. Ottima resistenza all’usura abrasiva e adesiva.
  • Resistente alla corrosione: l’elevata proprietà anticorrosiva permette alla superficie di superare prolungate esposizioni a sostanze aggressive e ad intemperie meteorologiche.

Anodizzazione dura

Il processo di anodizzazione dura prevede la formazione di uno strato di ossido duro sulla superficie di alluminio mediante il passaggio di corrente in vasche a temperature sotto lo zero.

In questo modo, è possibile ottenere un elevato aumento della durezza superficiale, una minore rugosità, con conseguente maggiore resistenza alla corrosione, un moderato isolamento, stabilità termica e proprietà antiattrito (qualora l’anodizzazione dura sia accoppiata a rivestimento con PTFE, e Argos è in grado di potervi fornire anche quest’ultimo tipo di rivestimento).

I settori di applicazione dei trattamenti superficiali Argos sono quello automobilistico, aeronautico, chimico-farmaceutico, alimentare, Oil&Gas, tessile e stampa e packaging.

Tra i vari trattamenti che esistono tra i trattamenti dei metalli hanno rilevanza i trattamenti galvanici.

I trattamenti galvanici sono articolati in tre fasi: preparazione della superficie, deposizione del rivestimento metallico e lavoro di finitura.

La preparazione della superficie in alluminio avviene tramite sgrassatura chimica (attraverso semplice immersione) e elettrolitica (i pezzi da trattare sono legati come anodi o catodi). Un ulteriore passaggio è il decapaggio, che elimina tracce di ossidazione e di ruggine.

Si passa quindi alla deposizione del rivestimento metallico (zinco, rame, stagno, ecc.) attraverso il passaggio continuo di corrente in una soluzione acquosa in cui sono contenuti gli ioni del metallo da depositare.

L’ultima fase è la finitura, un processo di passivazione che conferisce maggiore resistenza alla superficie, oltre a valorizzare il manufatto dal punto di vista estetico.

Tipologie di trattamenti superficiali

Esistono diversi processi per i trattamenti superficiali di acciaio, alluminio e altri metalli quali ferro, rame e leghe speciali. Ognuno di essi presenta proprie peculiarità e, allo stesso tempo, caratteristiche in comune con altri trattamenti. La finalità è quella di migliorare le prestazioni produttive e di allungare la vita degli impianti e dei macchinari.

I trattamenti di antiaderenza e antiattrito facilitano lo scorrimento lungo le superfici, i trattamenti anticorrosione le proteggono da agenti chimici o atmosferici, i trattamenti per la durezza ne aumentano la resistenza al danneggiamento, mentre i trattamenti di isolamento termico elettrico e termico permettono di lavorare in condizioni di sicurezza in presenza di alte temperature o di eventi come scariche di corrente e di tensione. Vediamoli nel dettaglio.

Trattamenti anticorrosione – (vai alla pagina)

Adottati nel mercato automotive, chimico e Oil&Gas, i trattamenti anticorrosivi vengono applicati su superfici metalliche (impianti e macchinari) per garantire una maggiore resistenza all’usura e all’azione degli agenti chimici. È possibile scegliere o spessore del rivestimento (da 30 micron ad 1mm) in base alle singole esigenze.

Trattamenti antiattrito – (vai alla pagina)

Grazie alle proprietà antiaderenti è possibile applicare trattamenti antiattrito per garantire un maggiore scorrimento delle superfici in metallo. La presenza di lubrificanti solidi conferisce alla superficie proprietà autolubrificanti. Questi trattamenti sono utilizzati solitamente nelle linee di produzione, per facilitare lo scorrimento dei materiali; la riduzione dell’attrito richiede anche un minor impiego di energia.

Trattamenti antiaderenti – (vai alla pagina)

Utilizzati in diversi mercati, tra cui quello della meccanica, dell’industria alimentare, del packaging e della gomma e plastica, i trattamenti antiaderenti conferiscono alle superfici in metallo proprietà idrofobiche e di antiaderenza nei confronti numerose sostanze, come le gomme, le vernici, gli inchiostri, le pelli, gli adesivi, le pastiche, ecc. L’impiego di speciali trattamenti permette di lavorare a temperature elevate (fino a 270°C) e per questo motivo sono molto richiesti nel settore alimentare (produzione di pasta, caffè, gomme da masticare, caramelle e dolci).

Trattamenti antimocrobicità

La presenza di batteri nocivi e di germi sulle superfici costituisce un terreno fertile per lo sviluppo e la diffusione di malattie infettive. Per ovviare a questa complicazione, specie in ambienti come quello sanitario, Argos ha sviluppato un trattamento antimicrobi che ostacola la formazione di funghi, batteri, virus e tutti quei parassiti pericolosi che si annidano sulle superfici.

Trattamenti antiusura – (vai alla pagina)

I rivestimenti antiusura permettono di allungare, drasticamente, la vita dei macchinari sottoposti all’azione abrasiva tipica di alcuni prodotti lavorati. Grazie all’uso di rivestimenti e trattamenti in grado di dotare il materiale di base di caratteristiche antiattrito e di scorrimento, si riesce così a prolungare nel tempo l’efficienza produttiva delle macchine, specialmente nei settori dove la lavorazione di materiali particolarmente abrasivi potrebbe portare all’usura prematura dei macchinari e alla conseguente riduzione della capacità produttiva.

Isolamento elettrico – (vai alla pagina)

Per rendere una superficie sicura da scariche elettriche improvvise, è necessario creare una barriera impermeabile e isolante, attraverso rivestimenti che garantiscono alta resistenza anche al calore, all’umidità e al taglio.

4.8/5 (69 voti)