Trattamenti Galvanici

Passivazione: applicazione e processi della passivazione dei metalli

Il processo elettrochimico, noto come passivazione, è un trattamento superficiale che protegge i metalli dall'ossidazione. I rivestimenti in fluoropolimeri di Impreglon svolgono la medesima funzione.

passivazione-blue-1-1
passivazione-blue-1-1

Passivazione, il trattamento che protegge i metalli dalla corrosione

Uno dei difetti più rilevanti del ferro, in caso di mancata manutenzione e di esposizione agli agenti atmosferici, è la formazione di ruggine, un fenomeno corrosivo che comporta complicazioni dal punto di vista estetico e strutturale.

Per ovviare a questo problema, si possono adottare trattamenti superficiali, come ad esempio la passivazione, che permettono la creazione di uno strato protettivo atto a ridurre o impedire fenomeni di corrosione.

Come avviene la passivazione e in quali ambiti si applica

Se il ferro, a contatto con l’aria umida e l’acqua, crea lo strato friabile di ruggine, altri metalli, come zinco, titanio e alluminio, reagiscono con l’umidità e l’acqua formando uno strato solido e non poroso, che svolge una funzione di protezione del metallo sottostante. Questo fenomeno è noto come passivazione ed era già conosciuto a partire dalla metà del XVIII secolo grazie al lavoro dello scienziato russo Lomonosov, per poi giungere all’attuale accezione per opera del chimico tedesco Schonbein.

Contattaci per i migliori Trattamenti e Rivestimenti superficiali.