Vai al contenuto

News

Cos’è il polimero PFA o perfluoroalcossi? Come e quando sceglierlo 

cos’è-rivestimento-polimerico-PFA-blu

I rivestimenti polimerici  sono delle deposizioni superficiali che, applicate mediante spruzzatura su tutti i metalli, ne garantiscono la protezione e la durabilità nel tempo. Tra le varie opzioni disponibili, il polimero PFA (perfluoroalcossi) si distingue come una soluzione versatile e altamente performante che offre numerosi vantaggi per diverse applicazioni industriali. Le sue proprietà di antiaderenza, scorrimento  e di resistenza chimica, infatti, lo rendono apprezzato e richiesto in sempre più settori industriali.

Polimero PFA composizione e struttura molecolare

Il Polimero PFA appartiene alla famiglia dei polimeri fluorurati (noti per la loro eccezionale resistenza chimica, termica e alle fiamme) di cui il capostipite è rappresentato dal PTFE (politetrafluoroetilene). Il PFA si trova normalmente sotto forma di polvere parzialmente cristallina e deriva dalla polimerizzazione del tetrafluoroetilene con un monomero perfluorossi etilenico (in un rapporto di 100 a 1): a livello molecolare è infatti costituito da unità ripetitive polimeriche in cui gli atomi di carbonio sono completamente sostituiti con atomi di fluoro. Questa struttura molecolare conferisce al polimero PFA una combinazione di proprietà uniche, che lo rendono ideale per una vasta gamma di applicazioni industriali (anche in ambienti estremamente corrosivi e ad alte temperature).

Proprietà fisiche del PFA

Tra le principali proprietà del Teflon® PFA ricordiamo la straordinaria resistenza chimica e termica e le eccezionali proprietà di resistenza alla corrosione, alla temperatura e agli agenti chimici aggressivi. Analizziamo in modo approfondito queste proprietà:

  • Resistenza alla corrosione: il rivestimento PFA ha la caratteristica di essere più compatto degli altri fluoropolimeri: vanta dunque una minore permeabilità che lo rende eccezionalmente resistente alla corrosione chimica da parte di acidi, basi, solventi e altri agenti chimici aggressivi. Questa resistenza lo rende ideale per ambienti industriali estremi e applicazioni che richiedono una protezione elevata contro l’usura chimica.
  • Resistenza termica: i rivestimenti a base di Teflon® PFA conferiscono al materiale anche una straordinaria resistenza alle alte temperature; infatti, il polimero può lavorare senza subire danneggiamenti alla temperatura continua di 260° C. e intermittente sino o 310° C., senza perdere le sue proprietà meccaniche e chimiche. Questa resistenza termica lo rende adatto per applicazioni che coinvolgono temperature elevate o variazioni di temperatura significative.
  • Elevata resistenza alle fiamme: strettamente collegata alla resistenza termica è la capacità di questo rivestimento di essere resistente alle fiamme, riducendo il rischio di incendi e danni dovuti al calore. Questa proprietà è particolarmente importante in ambienti ad alto rischio di incendio.
  • Bassa permeabilità: il PFA ha una bassa permeabilità ai gas e ai liquidi. Una volta applicato fornisce al pezzo trattato un rivestimento con una superficie non porosa, il che lo rende ideale per applicazioni che richiedono un’elevata impermeabilità e protezione dagli agenti esterni.
  • Antiaderenza: il PFA previene efficacemente l’aderenza al metallo di sostanze quali adesivi, gomme, colle, inchiostri, vernici, plastiche, tessuti, pelli e alimenti. Infatti, applicando alla struttura superficiale profili con specifiche rugosità, viene ridotta l’area di contatto aumentando la facilità di distacco.
  • Scorrevolezza: il PFA permette di ottimizzare le performance delle linee di produzione e confezionamento. Infatti, aumentando la proprietà di scorrimento dei substrati che riveste può rendere più semplice il trasporto di metalli, plastica, carta e alimenti.

Oltre alle proprietà tecniche è necessario sottolineare anche che, per la sua natura, questo rivestimento viene applicato in forma di polvere e quindi addensato nel processo di sinterizzazione: si presta per l’applicazione su qualsiasi componente, indipendentemente dalle dimensioni e dalla geometria, e può essere applicato anche in strati di alto spessore. Grazie a queste caratteristiche, il PFA è ampiamente impiegato in settori quali l’industria chimica, l’ingegneria dei materiali, l’elettronica e l’industria alimentare.

Vantaggi del Polimero PFA

L’utilizzo del Polimero PFA nei rivestimenti chimici offre una serie di vantaggi significativi per le industrie:

  • Durabilità: Grazie alla sua elevata resistenza chimica e termica, offre una protezione duratura contro la corrosione e l’usura, prolungando la vita utile delle apparecchiature industriali.
  • Affidabilità: garantisce un’elevata affidabilità operativa in ambienti industriali gravosi, riducendo al minimo il rischio di guasti e interruzioni della produzione.
  • Sicurezza e stabilità: grazie alla sua intrinseca resistenza alle fiamme e alle alte temperature, contribuisce a garantire un ambiente di lavoro sicuro per gli operatori e a ridurre il rischio di incidenti e danni alle apparecchiature.
  • Efficienza: grazie alla sua proprietà antiattrito consente un’ottima scorrevolezza dei materiali e una facile pulizia delle superfici, migliorando l’efficienza operativa e la produttività complessiva dell’impianto.